Tag : verona

Giulietta&Romeo Half Marathon 2017: viva il contorno!

“Verona sarà di allenamento per riabituarti alla distanza, la Roma-Ostia per emozionarti, la Sarnico-Lovere per allungare un po'”.
In sintesi, è questo il mio calendario gare concordato con il coach a inizio anno: si parte con la Giulietta&Romeo Half Marathon, la mia terza mezza a Verona, la mia terza GGRHM (una staffetta e due 21K), probabilmente la mia ultima gara in questa città perchè, diciamocelo, città che amo, ma aggiungendo anche un paio di 10k, ormai per me è come correre in Martesana.

Ho parzialmente disobbedito al coach che mi aveva suggerito, tra la mezza di Pisa del 18/12 e la ripresa del 13/1 di fare brevi corse lente di una mezz’oretta, ma ho ceduto al fascino dello Sri Lanka e alla voglia di fare andare le gambe senza troppo pensare a tempi e distanze; il punto è che mi sono poi ritrovata una tabella di “ripresa dopo un mese di presunto stop”: piuttosto noiosa, poco impegnativa, ripetitiva, senza esercizi specifici se non qualche allungo. 
Nel frattempo, arrivata in forma a Natale, mi sono lasciata andare dopo l’epifania, per arrivare impreparata di gambe, fiato, fisico alla mezza di Verona.

Nessuna aspettativa, dunque, nè purtroppo troppa voglia di correre questa gara: pensieri pesanti, poco entusiasmo, assenza dei bambini all’arrivo -rimasti a Milano con la nonna Kiss-, scarso interesse per il percorso, zero motivazione. Nico avrebbe corso anche lui la sua prima vera gara: per Natale gli ho regalato il tesseramento Urban Runners ma con l’obbligo la richiesta che corresse le proprie gare in autonomia, non per me, aspettandomi sì all’arrivo, ma lasciandoci liberi di gestirci ciascuno per conto proprio.

Venerdì siamo partiti per Garda e sabato mattina, nella tipica pioggia dei weekend di gare veronesi, abbiamo ritirato il pacco gara; pomeriggio in relax davanti al camino, qualche boccone di cibo inadeguato alla vigilia di una competizione, una cena abbastanza sana, a letto per le ventitrè. Nel frattempo, la chat Urban Runners squillava, a ricordare a tutti che siamo una famiglia e che nessuno avrebbe corso da solo.

Indecisi sull’organizzazione logistica, domenica ci dirigiamo direttamente alla partenza, consegna sacche e ritrovo con gli UR nel palazzetto. Mentre usciamo, una voce mi chiama: Marianna, delle R4M è lì per la staffetta, mi ha visto anche questa volta; è la donna delle sorprese, ci incontriamo sempre, ad ogni gara, pur senza metterci d’accordo, ha un sorriso fantastico e una parlantina strepitosa, peccato solo non avere ormai più tempo per chiacchierare. Andiamo in griglia. Sono tranquilla, al punto che -ci rido su con Paola- non solo non corro in incognito, ma cazzeggio serenamente con gli altri, scattiamo foto, ascolto musica… Ciò che desidero è correre tranquilla, cercando di trovare qualcosa di bello perchè questa mezza non sia soltanto dovere; l’aspettativa cronometrica che ho è di chiuderla tra l’1:58 e le 2:03, ma mi riservo di gestirmi strada facendo. 

Partiamo in fondo tutti insieme, Nico ed io ci separiamo dopo i primi 300 metri, sto con il gruppetto UR per poco di più, poi inizio la mia gara: quest’anno mi sembra che l’ingorgo iniziale duri per troppi km, sono già nervosa e naturalmente parto già forte. Oddio, “forte”, diciamo che parto con quello che dovrebbe essere il mio ritmo gara a cui sarei dovuta arrivare gradualmente. Al terzo chilometro, insieme al caldo che mi fa subito alzare le maniche della maglia, trovo Rudy: entrambi con gli auricolari, ci salutiamo con lo sguardo, termineremo la gara insieme senza dire una sola parola, solo scambiandoci occhiate reciproche. 

Sesto km, ristoro: sento una ragazza che esclama “questi primi 5 km sono volati”, io non la penso così, ma mi dico invece che ne mancano solo 15 (+1). Arrivo al decimo, non guardo il passo nè do retta al Garmin quando vibra ad ogni chilometro: ogni tanto do un occhio alla media e sì, mi dico che sono già a metà e sta andando bene.
Tredicesimo: basta, ho già perso il conto dei saliscendi / salite / falsipiani / comeaccidentivogliamochiamarli, le mie gambe sono pesanti, devo rallentare, non ce la faccio. Non voglio dirlo, non voglio dirmelo: per la prima volta la mia testa funziona benissimo! Mi basta arrivare al quattordicesimo, perchè mi manchi solo un terzo di gara; lì, in realtà, concordo con me stessa che sarà al quindicesimo, al ristoro, che potrò concedermi di prendere fiato; il ristoro però è quasi al sedicesimo, recupero ma rimando ogni rallentamento al diciassettesimo.

A quel punto, mi dico che ne mancano solo 3(+1), la mia media è buona, forse posso rallentare un po’ e allo stesso tempo avere anche una soddisfazione cronometrica: facciamo che arrivo al 18esimo e poi vediamo, lì ne mancheranno davvero solo tre di chilometri, quello che è abitualmente il mio riscaldamento. Al diciottesimo, anche questa volta, penso ad Alino: l’anno scorso, a quella che doveva essere la mia prima vera mezza, nella stessa circostanza, mi aveva promesso che, terminata la sua gara, sarebbe tornato indietro per portarmi al traguardo, poi -pur avendo fatto avanti e indietro un paio di volte- non ci eravamo incrociati. Sorrido al ricordo. Questa volta sono sulle mie gambe, c’è Rudy che mi tiene d’occhio, ci sarà Nico al traguardo perchè sicuramente ha già finito, ma questa gara non passa mai. All’improvviso, ecco Valentina, una ragazza del gruppo dei Runlovers: è almeno un anno che ci conosciamo virtualmente e ci scriviamo spesso, ma non ci siamo mai incontrate. Mi chiama, mi tocca una spalla, è lei: purtroppo non ho fiato per parlare, lei sgambetta agile, io no, ma ci salutiamo con entusiasmo.

Arriva anche il diciannovesimo, poi il ventesimo, l’Arena: quasi inciampo sul tappeto di ingresso in arena, non ne posso più, ho rallentato appena, respiro ma le mie gambe sono di pietra. Cerco i fotografi, che ho ignorato per tutta la gara: anche questa volta non li vedo (l’anno scorso ho detto che non ce n’erano in Arena e poi mi sono ritrovata con delle foto in cui sorrido guardando dritta nell’obiettivo), ma chissà, magari loro invece mi hanno inquadrata a dovere. E’ finita, ecco la breve rampa titagliolegambeadessoselehaiancoraintegre e il rettilineo finale: accelero, voglio finirla, voglio arrivare prosciugata e con la sensazione di aver dato il massimo.

Così è: 1:59:33, la mia faccia all’arrivo non è sorridente, sembro invocare dell’ossigeno, ho quasi i crampi alle gambe e mi devo appoggiare per riprendere fiato. Ci sono Nico, Valeria e Alino ad aspettare tutti, ad aspettare anche me, Rudy scappa subito. E’ andata, sotto le due ore, perfetto. 

Poco dopo arrivano altri UR, ci salutiamo e mi precipito a bere al ristoro. Mi sento chiamare per nome, mi giro, ed ecco Elena, un’altra R4M: sapevamo entrambe che saremmo state presenti, non ci siamo date appuntamento, abbiamo sperato di incontrarci tra i 6500 partecipanti, e questa volta così è stato. Un’altra amicizia virtuale, un’altra mamma in gamba che corre, un’altra fotografia che diventa -dopo mesi- volto reale: la mia impressione è di conoscerci da sempre, ci abbracciamo con gioia, finalmente ci siamo viste di persona!

Nico ed io ritiriamo le sacche e ci cambiamo in piazza: mi sto infilando le scarpe e un’altra voce mi chiama per nome, questa volta è Francesca, uno dei sorrisi più belli che io abbia conosciuto. La prima volta che l’ho vista, io ero ferma con Nico nei pressi dei conigli sulla Martesana, lei arrivava correndo indossando una maglia UR, l’ho salutata: “Ciao, anche tu sei Urban Runners?”, e poi le presentazioni reciproche e il ritrovarci a correre, sugli stessi percorsi, mai insieme, a mezz’ora di distanza nelle albe milanesi. 

Saliamo sulla navetta, prendo in mano il telefono: Marta mi ha scritto chiedendomi come fosse andata e accennandomi alla sua gara, non sapevo fosse a Verona anche lei. Le rispondo su whatsapp, vorrei salutarla dal vivo, magari è ancora in giro: le chiedo dove sia ed è su una navetta. Quella che è appena partita. Quella che si è appena fermata. Come la mia. Io sono in fondo. Io a metà. Ci cerchiamo e siamo sullo stesso autobus che ci porta, insieme, al palazzetto.

Con Nico, recuperiamo l’auto e torniamo in centro a Verona per mangiare: facciamo in tempo a salutare Paola e Roberto, purtroppo dobbiamo rinunciare al pranzo con gli Urban Runners perchè si farebbe troppo tardi e dobbiamo tornare dai bambini a Milano.
Il bilancio della gara si è trasformato: dove mancavano motivazione ed entusiasmo per la corsa in sè, gli incontri, le facce inaspettate, i sorrisi, le coincidenze e il solito senso di appartenenza a qualcosa di bello e positivo, il “contorno”, hanno fatto il resto. In più, anche il risultato della corsa è stato positivo. 

Ora, in settimana avrò di nuovo il test del lattato e poi via, verso i 2,5 km di salita a metà della Roma-Ostia: è per emozionarmi che l’ho scelta, no?

Categorie: Sport

Cangrande Half Marathon 2016: ansie da prestazione

E’ passata ormai quasi una settimana dalla mia, nostra Cangrande Half Marathon, gara non esattamente memorabile. Sono arrivata carica di aspettative, dopo il successo inatteso alla mezza di Cremona e dopo un mese di durissima tabella, con allenamenti nuovi che, per la prima volta, mi hanno provato fisicamente e mentalmente.
Il giovedì prima della gara, mentre gli Urban Runners iniziavano a partire per la maratona di Valencia, mi è subito venuta in mente una cosa che mi aveva detto Yuri: non gli sembrava normale che io stessi bene, mi divertissi e provassi soddisfazione in tabella, mentre vivessi male e non riuscissi a godermi il giorno della gara. Questa volta sentivo che qualcosa era cambiato e gliel’ho scritto:

“Non ne posso più di questa tabella di mer*a che per questo mese mi ha fatto sputare sangue!! Domani ho un lentissimo di mezz’ora e poi grazie al cielo me ne libero!!! Insomma, finalmente domenica posso correre come caz*o mi pare, anzi, come caz*o mi viene!!! Ecco, è la prima volta che mi succede, io a questo giro questa tabella di mer*a l’ho odiata. Tu un giorno mi hai detto <Io non capisco, tu la tabella la dovresti odiare!>: Yuri profeta, tabella di mer*a, cardiofrequenzimetro al rogo!”

Con questo spirito sono partita venerdì sera con Nico per Garda. Ci siamo regalati un aperitivo con un bicchiere di vino rosso e pesce di lago, una cena fuori leggera e sabato mattina siamo andati a ritirare il pacco gara. In generale, la voglia di correre la gara era a quel punto molto bassa, scherzando ci dicevamo che sarebbe stato bello goderci prima o poi un weekend senza bambini ma anche senza gare e senza impegni..! Nel pomeriggio, sentiti Fabio, Marco e Rudy, due Urban-Runners-più-uno che avrebbero corso la maratona -quella intera-, ho iniziato ad avvertire da una parte la voglia di sfidarmi, dall’altra l‘ansia da prestazione e il desiderio malsano non di correre, ma che fosse già finito tutto. In serata Nico ed io siamo usciti per una passeggiata di due ore e un quarto nel buio del lungolago deserto.. giusto per sgranchire le gambe e distrarci.

cangrande-the-day-before

Domenica mattina abbiamo provato ad incontrarci con gli altri per una foto collettiva, ma senza riuscirci: abbiamo visto Fabio, nella gabbia che precedeva la nostra, e abbiamo corso i primi 100 50 20metri.. va beh, siamo arrivati fino al gonfiabile della partenza ufficiale insieme, poi ciascuno ha iniziato la propria gara.

cangrande-hm-partenzaa cangrande-hm-start

Poco dopo la partenza mi sento chiamare da dietro “Ciao Urban Runner! Io sono una Woman In Run!”: non ci conosciamo, ma conosciamo le nostre rispettive famiglie sportive milanesi e trovo che sia bellissimo salutarsi ed incoraggiarsi, semplicemente accomunate dalla passione e dalle strade che percorriamo.

Parto forse un po’ troppo veloce, ma come per Cremona decido di non guardare il Garmin se non al termine del chilometro e di correre come mi sento; fa inaspettatamente caldo, al primo ristoro penso di togliermi la maglietta a maniche lunghe, cosa che fortunatamente non faccio, visto che poi attraverseremo campagne, nebbie in un’aria decisamente fredda. Al km 7 inizio a sentire delle fitte ai fianchi -saranno anche state fitte immaginarie, ma i dolori a sinistra mi sono durati fino a mercoledì sera- e le gambe pesanti: non girano, non riesco ad allungare neanche nei tratti in discesa. Faccio l’errore di verbalizzarlo a Nico: “Oggi non va”. Al km 10 bevo e recupero un po’, per poi iniziare a calare con gambe e testa: mi arrabbio con me stessa, guardando a posteriori i parziali in modo ingiustificato, me la prendo con la tabella, le sveglie all’alba, il mio coach, i sacrifici e gli sforzi, i soldi, l’impegno, la costanza.. tutto mi sembra vano, io non miglioro, io in gara non ce la faccio. Non-ce-la-faccio.

cangrande-hm-partenza cangrande-hm-imprecazioni cangrande-hm-finishline

Al km 13 mollo il colpo. Cammino per il tempo necessario per prendere un GU, chissà che non avvenga un miracolo. Ricomincio, rallento, accelero, Nico mi rimprovera, io me la prendo, litighiamo.
Non c’è niente da fare: di fiato sto benissimo, ne ho un sacco, corro sprecandone tantissimo in insulti, accuse e promesse a me stessa. “Basta, con la corsa ho chiuso, non ne voglio più sapere di tabelle, gare, ripetute…ripetute da nove minuti, capito? Basta!! Da domani solo yoga, anzi, pilates, anzi, zumba! Ecco, Z U M B A!”. (Nico mi confesserà poi che a quel punto gli veniva da ridere, ma temeva per la sua incolumità).

Km 16, il ristoro.
Km 17 rallento ulteriormente.
Km 18 crampi ai polpacci. “Fermati a lato strada, mettiti a terra”, “No, finiamo ‘sta caz*o di gara, chè non ne posso più!”

Finish line, traguardo, medaglia. Il tempo ufficiale è di 2:03:54, un’enormità.

cangrande-hm-arrivo cangrande-hm1 cangrande

Non c’è soddisfazione, c’è delusione, c’è rabbia, ci sono per la prima volta sconforto e desiderio di mollare. Che io corra a caso o che corra in tabella, ottengo i medesimi risultati in gara; so che i miglioramenti ci sono e sono notevoli, ma se non riesco a metterli a frutto e ad allenare anche la mia testa alla competizione, tutto lo sforzo non serve a niente. Infine, se non mi diverto più neanche in allenamento, che senso ha? Penso che la vita sia sufficientemente impegnativa per poter decidere di aggiungere agli obblighi -famiglia, lavoro, figli, incombenze..- dei piaceri che siano tali.

Mi cambio e mi rivesto, poi mi posiziono sulla finish line della Maratona -quella intera. Gli arrivi sono commoventi, ogni maratoneta agli ultimi metri mi sembra alla fine di un viaggio che è molto più di una corsa, gli sguardi, la sofferenza e la gioia che quei corpi sprigionano, sono pazzeschi. Io mi sento piccola piccola, io che qualche settimana fa, un po’ per gioco un po’ sulla scia degli entusiasmi della Maratona di New York, ho sfogliato il calendario maratone dell’inverno 2017, io che non ho la testa per concludere una mezza.
Guardo il tempo sul tabellone, il primo ad arrivare è Fabio, poi Marco, infine Rudy: Nico ed io li vediamo, tifiamo per loro, scattiamo qualche foto e riusciamo a riprendere persino il video dell’arrivo, mentre loro -che pure guardano nella nostra direzione- non si accorgono di noi, sono alla fine di un viaggio impegnativo. Sono contenta di essere lì, tutti si meritano qualcuno che li aspetti all’arrivo.

cangrande-hm-urban-runners cangrande-hm-urban

Gli abbracci finali, i sorrisi, i loro racconti.
Marco scriverà poi “Avervi visto tutti all’arrivo era come essere a casa”: di nuovo, pur provando a ridimensionare delusioni e gioie di una gara, ogni volta mi rendo conto che c’è dell’altro. Non è mai solo una corsa, non è mai solo una delusione o un personal best, è sempre un forte senso di appartenenza, una condivisione di emozioni e sensazioni fisiche che solo chi vive la preparazione e l’evento può capire, è qualcosa a cui non voglio rinunciare.

Categorie: Sport

Cangrande HalfMarathon, anzi, Last 10 Km

Verona è una città meravigliosa, che, nonostante trent’anni di weekend e ferie a Garda, a quaranta minuti di strada, ho scoperto solo da un anno. Ed è stato colpo di fulmine.

Ecco uno dei motivi per cui a febbraio Nico ed io abbiamo corso la Duo Half Marathon: una staffetta di San Valentino in una città stupenda. Così abbiamo scoperto Verona Marathon, la sua eccellente organizzazione e le sue iniziative.

Cangrande Half Marathon, 15 novembre 2015: l’avevo addocchiata come rivincita sulla mezza, senza dirlo a molti, ho sperato di riuscire a riprendere ad allenarmi adeguatamente, poi la Nuova Me -quella più saggia- a malincuore si è resa conto e ha dovuto ammettere che sarebbe stato decisamente un azzardo, e ha lasciato perdere.
Non ho però rinunciato a correre: volevo respirare l’aria dell’evento, accontentandomi di ciò che sarei riuscita a fare, dichiarando a quella Half Marathon che, da parte mia, si sarebbe trattato solo di un posticipo della data.

IMG_20151115_101714106

Last 10 km, quindi: una corsa non competitiva, per molti una passeggiata -nel senso letterale del termine-, con cani, passeggini, donne in pettorale e stivali con il tacco. Io, invece, tra me e me, l’ho presa sul serio, non perchè non avessi capito il senso della manifestazione -anzi, mi era ben chiaro e l’ho apprezzato, così come alla Deejay Ten-, ma perchè, con la rinuncia alla gara vera, volevo comunque misurarmi con me stessa e i miei tre mesi da che ho ricominciato, pian piano, a correre.

Venivo da una settimana in cui la bandelletta si è fatta nuovamente sentire, dopo il mio errore nel provare a correre 18 km domenica scorsa e, quindi, con una sola uscita-test giovedì; in parte sconfortata, mi ero detta che l’obiettivo sarebbe stato correre tutti i 10 km senza che la maledetta facesse male e mi sono ripetuta che mi sarei messa in frequenza, passo 6.15/6.25 e via, lenta ma costante fino al traguardo.

Sapevo anche che avrei corso da sola, cosa che mi avrebbe consentito di gestirmi come avessi voluto: probabilmente avrei incontrato amici milanesi in trasferta per correre altre distanze, ma io nella mia avrei pensato a me stessa. Ho fatto colazione all’alba, poi ho tirato giù dal letto Nico e i bambini e ci siamo subito messi in auto, con la promessa che avrebbero fatto colazione a Verona. Lungo la strada a piedi per arrivare alle griglie mi è venuto, per un attimo, un nodo in gola, per la mezza mancata, per l’impreparazione generale, per la sensazione che -a dover fare i conti con ginocchia storte e piedi che appoggiano male- non sarà una cosa breve, per la sensazione di ripiego più che di scelta, per la partecipazione ad una 10 km non competitiva che ‘chiunque può fare e in seguito alla quale non c’è festa’ (e neanche medaglia da dare ai bambini); poi è passato in fretta, mi sono ricordata perchè ero lì e che avevo tutte le intenzioni di correre una 10 km competitiva nei miei confronti.

Così è stato: il primo chilometro è passato facendo lo slalom tra i camminatori e guardando se, nel senso opposto del viale, di ritorno, vedessi passare gli amici della mezza; poi secondo e terzo, e a cercare se, per caso, Nico fosse riuscito a mettersi con i bambini a Castelvecchio (c’erano ma, vedendo gente camminare al secondo km, hanno pensato che io fossi già passata -probabilmente no, i camminatori erano in prima fila- e sono andati, a buon diritto, a fare finalmente colazione); quarto, quinto, sesto, settimo km; ottavo e una salita che mi è parsa infinita, nono ed un’altra salita eterna, penso a far lavorare le gambe e a mantenere il fiato. Ultimo mezzo km, si gira a destra per tornare verso piazza Bra ed è lì che grido un tempestivo “Gaia! Luca!”, vedendoli passeggiare con il papà; si voltano immediatamente, mi riconoscono, e per i metri successivi corro con le loro voci acute “vai, mamma, corriiiii, mammaaaa, vaiiii!”. Fantastico.

Traguardo, spengo il Garmin, mi dicono che non c’è medaglia per noi della 10 km, mi avvio verso lo stand Rare Partners, associazione no profit che opera nell’ambito delle malattie rare con la quale ho voluto iscrivermi anche questa volta, dove conto di ritrovare i miei mini-supporters. Nel frattempo, guardo il crono: 58’11”, ho corso con una media di 5’48” a km, il che significa che finalmente, forse, qualcosa sto recuperando (finalmente ho superato di nuovo il test del moribondo). Non c’è aria di festa, non ho fatto niente di speciale e, come me, nessuno dei partecipanti alla 10km, mi sento come se avessi concluso un allenamento ben riuscito, ma sono soddisfatta per il tempo, per l’essermi goduta la città e il Lungadige e, soprattutto, per avere tutti i pezzi a posto. Durante la corsa tibie, bandelletta e fascia lata non si sono fatte sentire: magari era solo un avvertimento e io ho capito, è presto per allungare le distanze e sovraccaricare, andrò più cauta. Vedremo come stanno nei prossimi giorni.

Ritrovo i bambini e, invece sì, per loro è una festa: sono arrivata, pur senza medaglia, sono stata brava, hanno fatto il tifo e ora possiamo correre e fare stretching insieme. Li guardo correre intorno all’Arena e poi allungare i muscoli con me per qualche minuto.

IMG_20151115_102003642_HDR IMG_20151115_103745440_HDR IMG-20151115-WA0005

Dovrei e vorrei aspettare gli amici della mezza e il coach alla Maratona, ma la famiglia mi ha accompagnato, ha aspettato al freddo, mi ha assecondato, e ora è il mio turno di dedicarmi a loro: si torna a Garda a giocare con le biciclette, a raccogliere corbezzoli dall’albero nell’orto, a infangarsi con gli animali.

E a sfogliare il volantino delle corse veronesi del ponte dell’Immacolata.

Categorie: Sport