Salomon Running 2017: 25 km e 23 piani di scale

In una mail di 12 giorni fa al mio coach -che, poverino, ultimamente ha a che fare con una squilibrata-, nel picco della demoralizzazione e sconforto, scrivevo: “Continuo a dirmi che non voglio fare la Salomon, che mi fa schifo, che odio i trail e le salite e che quei 23 piani di gradini mi fracasseranno, che correre a Milano è orribile, che la gara parte alle 10 e morirò di caldo etc… ma la Salomon la farò, non fosse altro perchè, magari, facendo qualcosa che la mia testa non vuole fare, allenerò anche lei.”. Pieno delirio, insomma.

Sono due settimane che non riesco a correre come dovrei, come vorrei, come ho per altro sempre fatto fino, appunto, a 15 giorni fa. Mi sono chiesta più volte, con rabbia o demotivazione o sconforto o sogni di domeniche sul divano, perchè mai mi fossi iscritta alla Salomon Running, dopodichè, pur non avendo trovato in me risposte attualmente soddisfacenti, ho fatto un patto e definito le basi per affrontarla nelle condizioni in cui sto adesso.

La Salomon Running è un city trail su tre distanze: quella scelta da me è la gara Hard, 25 km con scalata della Torre Isozaki, ovvero 23 piani di scale a salire e altrettanti a scendere.

Obiettivi della giornata: correre la gara, con calma, lentamente, puntando a finirla senza troppe soste; sorridere ai fotografi e, se possibile, correre in gruppo; piazzare i bambini da qualche parte affidare i figli ai nonni e partecipare al pre e al post-corsa con gli Urban Runners, per stare insieme dopo tanto tempo. Nico avrebbe corso con me, con l’opzione di staccarsi per gestire la propria gara in qualunque momento avesse voluto o dovuto.

All’arrivo in Arena prima della corsa, Nico ed io attraversiamo il prato bagnato e fangoso per le piogge degli ultimi due giorni cercando di entrare nell’ottica della gara che non sarà del tutto su asfalto; non mi vedo, ma sento di avere una faccia da interrogazione a sorpresa senza aver studiato, per fortuna ci pensano gli Urban Runners a darmi un po’ di carica. Si scherza, chiedo di tenermi un posto a tavola, ci si spalma di cremine (opto per quella per ginocchia, che me le ghiaccerà all’ottavo km e me le renderà bollenti dal 20esimo in poi). Margherita mi regala un portafortuna, che porto con me fino alla fine e che mi accompagnerà ancora a lungo da oggi in poi: correrò con lei, correrò per lei.

Siamo in tanti: i primi a partire sono quelli della 15 km, poi tocca a noi. Nel frattempo incontro Elena ed Erica, le due mamme del gruppo Running4mommies con cui sono partita anche alla Sarnico Lovere; in griglia mi guardo intorno e finalmente compare anche Francesca, Urban Runner, Runlover e compagna di Martesana, pause pranzo e chiacchiere. Nico a fianco. Lo sparo, si parte. Ci si ferma, si riparte; un po’ ad imbuto usciamo dall’Arena e dal Parco Sempione. 

Passo tranquillo, non guardo il Garmin, ma voglio correre a sensazione, lentamente -come mi ero detta- per arrivare alla fine, e sento che più o meno ci sono: tra i 6 e i 6’15″/km. Le gambe vorrebbero andare oggi, ma non mi faccio fregare: negli ultimi allenamenti il cuore non si è allineato alle gambe e sono scoppiata, oggi è lunga, è la testa che deve guidare. Inizio a chiacchierare e i primi km passano abbastanza veloci: mi dicono che siamo anche passati dentro Palazzo Marino, io ricordo solo che Francesca ha detto un “ah sì, eccolo lì”, ma non ricordo altro: chissà su che argomento ero concentrata. Giro in centro e torniamo nei pressi del Castello: attraversiamo il fossato, noi entriamo quando il gruppone Urban Runners sta già uscendo, ci chiamiamo e salutiamo. All’uscita, purtroppo, dopo circa 5 km insieme, Francesca mi dice di andare al mio passo e, dopo un momento di titubanza, proseguo con Nico. 

Chiacchieriamo meno, il ritmo è leggermente aumentato, quando vedo il passo sui 5’45” rallento e cerco di controllarmi: arriviamo quasi senza accorgercene al decimo km. Bevo a tutti i ristori, cammino per il tempo necessario a bere un paio di bicchieri d’acqua, e riparto; saluto e ringrazio chi ci incita, chi chiude le strade, chi ci dà indicazioni; dirò poi ridendo a Yuri che, in questo, mi sono sentita un po’ lui.

Non ricordo bene a che punto corrispondessero i chilometri, correvo e basta, sapevo che passati i primi 10, avrei puntato ai 15, poi ai 18 dove, più o meno, avrei trovato la Torre, e poi alla fine. Ricordo bene però i passaggi della Montagnetta, le salite che ho percorso a passo svelto ma camminando, troppo ripide e troppo fangose da correre, le discese in cui invece mi sono lanciata agilissima (promemoria: devo trovare una gara da correre tutta in discesa), ricordo quando ho incontrato Elena, partita veloce con Erica, e lo scambio di incoraggiamenti, ricordo la salita -agile, contro ogni aspettativa- sul cono elicoidale del Portello, le scale della Fiera e lo spuntare di una vescica enorme sulla pianta del piede destro. Ricordo Nico che indica Casa Milan, una nonnina in sedia a rotelle che ci applaude e incoraggia a cui io dico passando “Signora, lei è una grande!” e che mi ringrazia a sua volta, ricordo le voci di chi ci grida “Forza Urban”, a cui rispondo con sorriso di orgoglio e gratitudine “Evviva gli Urban!”, ricordo il passaggio nella buca del golf, che nemmeno sapevo cosa fosse, e l’emozione dell’avvicinamento alla torre Allianz.

Non so che cosa aspettarmi, però trovo positivo che siamo già intorno al ventesimo km -me l’aspettavo tra il 15esimo e il 18esimo, facendo una media tra quello che amici mi avevano detto-: l’entrata sul tappeto blu è emozionante, sembra di essere a Gardaland in qualche tunnel prima di un’attrazione spaziale, e poi i gradini. Sto bene attenta a non commettere l’errore di farli sulle punte dei piedi, chè già i polpacci, per quanto ahimè grossi, sono il mio punto debole: Nico ed io saliamo cauti ma agili, superiamo una ventina di persone, arriviamo in alto, diamo una rapida occhiata al panorama e scendiamo. Niente, in discesa -anche sui gradini- me la cavo bene. Incontriamo il gruppone Urban che nel fossato del Castello ci aveva preceduto, ma preferiamo procedere al nostro passo. Appena scesi, dopo pochi metri, Nico ha un crampo ad una gamba, mi dice di andare, si ferma un attimo e ripartirà. Io continuo, però mi sento in colpa: per tutta la gara ha seguito il mio passo, per lui troppo lento, per accompagnarmi e ora che è in difficoltà lui io continuo la mia corsa? Penso che sia amore, penso anche che, al contrario, accadrebbe la stessa cosa perchè io vorrei che lui proseguisse; e poi penso che mi raggiungerà. Mi giro un paio di volte per guardarmi indietro e ad un certo punto lo vedo comparire qualche centinaio di metri alle mie spalle: bene, so che mi riprenderà e finiremo insieme. Nel frattempo incontro Paola, scambio due chiacchiere anche con lei e, quando Nico mi affianca, ripartiamo per i due km che ci separano dal traguardo. 

Le gambe a questo punto vanno, io mi sento benissimo, penso che non solo ce l’ho fatta -cosa che penso dal 17esimo km- ma che è anche già praticamente finita! Vediamo l’Arena, un mezzo giro esterno, l’ingresso. E’ finita.

No, non ancora: l’emozione più grande è adesso: quanti saranno quegli Urban Runners, i veloci della 25 km insieme a quelli che hanno concluso la 15 km e la 9.9 km, lì in curva a tifare per noi? Sento praticamente un boato, riconosco troppe facce, ci incoraggiano, ci danno il cinque, a me vengono le lacrime agli occhi e un groppo in gola. Mi carico come una molla e l’ultimo mezzo giro di pista è velocissimo: “Nico, mi sa che forse ho sprintato un po’ troppo” [Garmin mi darà gli ultimi 500 metri a 4’58”].

Arriviamo per mano, sorrisi a non finire.

   

Dietro di noi, ad un paio di minuti, ecco arrivare anche il gruppone Urban Runners. Vedrò poi Francesca ed Elena. Iniziamo a festeggiare, si stappa anche una bottiglia. Prima di andare a pranzo, aspettiamo in Arena l’arrivo di Constantin e lo scortiamo  mentre taglia il traguardo della sua incredibile 25 km con Torre Isozaki. I momenti di commozione per me continuano.

 

In conclusione, ho mantenuto un passo lento, tranquillo, quello che fino a 15 giorni fa avrei detto troppo lento, ma sono arrivata e arrivata felice, sana, senza dolori e sorridente. Oggi gli amici Urban Runners mi fanno notare che Il Giorno ha scelto una foto di me e Nico per l’articolo sulla Salomon: siamo sulla scala che precede l’ingresso alla Torre Allianz, abbiamo percorso circa 20 km e stiamo per affrontare 23 piani di scale in salita. Sorridiamo, anzi, ci stiamo proprio divertendo. 

Stamattina ho riscritto una mail al coach, raccontandogli sommariamente della gara di ieri: non è ancora giunta l’ora di darmi agli scacchi, qua si continuerà ad allungare le distanze!

Categorie: Sport

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Loading Facebook Comments ...