(Mezza) Maratona di Pisa: famiglia, amici, testa, cuore, festa per l’ultima gara dell’anno.

E’ chiaro a tutti che, nonostante le premesse, alla fine io non mi sia data nè allo yoga, nè al pilates, nè tanto meno allo Zumba. Ho ripreso in mano la tabella, dopo una strigliata incoraggiante del coach (il cui messaggio fondamentale è stato più o meno: “Stai lavorando alla grande, ti impegni, ti metti in gioco..[..]..non associare la gara al tuo successo come persona”), e ho deciso di rimandare il riposo alle vacanze di Natale.
Per una serie di incastri, cambi di programma, sorprese e vicissitudini di vario tipo, mi sono ritrovata iscritta alla mezza maratona di Pisa. Questa volta avrei portato con me anche i bambini, che da troppo tempo non mi seguivano nelle gare, decisi a goderci anche la città da turisti.

Venerdì sera partiamo da Milano e sabato mattina alle 9, riposati, siamo ai piedi della Torre, che sì, pende veramente! E’ stata una giornata non organizzata, ma piena di cose belle e inaspettate. Al mattino esploriamo la città intorno e al di fuori delle mura e trasciniamo i bambini ricattandoli andiamo tutti insieme al village, per il ritiro del pacco gara e, soprattutto, per fare man bassa di caramelle grazie a Ricola, sponsor della gara [domenica, finita la corsa, i promoter Ricola offrono nuovamente caramelle a Gaia e Luca, per poi chiedermi -ancora sudata e avvolta nella coperta termica ai piedi della Torre- se non ci fossimo già visti allo stand. Sì, ecco, forse le manine che continuavano a rubare caramelle e le mie occhiatacce, non sono passate inosservate]. Un pranzo veloce alle 13.30 e un paio d’ore di riposo (con compiti per Gaia) a casa. Per l’ora della merenda, ci dirigiamo sui ponti del Lungarno e alla mostra di Dalì: è una splendida occasione, i bambini sono entusiasti di poter avere le loro proprie audioguide con i quadri da selezionare e, alla fine, entrambi hanno chiedono un po’ risentiti se sia già finita. A me, anche questa volta, si verifica la solita stranezza: di nuovo, incontro il mio Unicorno, simbolo nato e associato a me diversi mesi fa da una presa in giro degli amici runner, ma che, da allora, avvisto davvero pressochè sempre prima di ogni gara. Questa volta si fa trovare protagonista in uno dei disegni di Dalì per l’Autobiografia di Benvenuto Cellini, ma lo so che è lì per me. Giriamo per il centro, i bambini con un enorme bastoncino di zucchero filato -che sì, è il male assoluto, ma è un weekend di festa e nelle feste tutto è concesso-, ascoltiamo per strada un concerto di un coro gospel che incanta Luca (“Da grande voglio essere lui”, indicando il tastierista, nonchè direttore del coro) e ammiriamo un’esibizione di ragazze che fanno acrobazie su tessuti aerei. In una breve tappa a casa, la tifoseria si organizza per il giorno dopo, quando finalmente arriva il gran momento tanto atteso: La Cena Urban (Runners). Ci troviamo tutti insieme in una lunga tavolata e alla fine sia Gaia che Luca chiacchierano e fanno domande, parlando di “NOI URBAN”: il loro coinvolgimento in questo mio pezzo di mondo, dove si incontrano sport, amici e concetto di squadra, è la vittoria più importante.

dsc_0457 blog-village dsc_0463 blog-dali blog-mostra blog-unicorno

dsc_0475 blog-gospel blog-tessuti-aerei blog-arte ur-cena

Domenica mattina mi sveglio alle 4.40, ok è troppo presto, non devo pensare alla gara, ma se poi arrivo tardi? Sono sicura di non voler lasciare nulla al deposito borse? E se non trovo gli UR alla partenza? Ma poi ho disattivato i lap automatici sul Garmin? Ah, giusto, devo settare il live track per Nico. Dai, sono le 5.30, mi posso rilassare, ho ancora mezz’ora da passare sotto le caldissime coperte. Ore 5.50, al diavolo, mi alzo. A partire dalle 6.30, passi di diverso peso e dimensione, mi raggiungono un po’ alla volta in cucina: sì, io ho già fatto colazione, vi guardo. Mi vesto e canticchio, Luca reclama -per poter tifare bene– una bandiera Urban Runners e, non avendola, gli faccio indossare la mia maglietta; Gaia allora indossa quella blu della gara, a cui attacchiamo –come fosse il mio pettorale, ma più piccolo– l’adesivo del deposito borse. Ripassiamo il programma della giornata, li saluto e mi avvio in griglia. In qualche modo trovo gli UR, si fa un po’ di casino e si parte tutti insieme. Sono tranquilla e felice, non mi sembra vero che ci sia un gruppo così numeroso che stavolta corra al mio passo.

 dsc_0492 blog-partenza ur-partenza

Dopo il primo chilometro però è il mio passo che diventa un altro, non ci faccio troppo caso, vado e basta. Subito cerco Nico, Gaia e Luca al primo ponte, c’è un sacco di gente, mi vedono all’ultimo e i bambini restano un po’ spaesati, Luca mi sembra un po’ confuso; so che li ritroverò circa al quarto chilometro, ripassando dall’altra sponda dell’Arno, e così è. Sono in cima alla salita (sì, per me è salita, ok?!) del ponte, li vedo e non mi accorgo che il percorso piega a sinistra, poco male, prendo la curva larga gridando e salutandoli, osservata -così vedrò dalle foto- dai runner intorno a me. Da questo momento so che li rivedrò al traguardo e inizio la mia gara.

dsc_0495 dsc_0534 dsc_0536 tifoseria dsc_0537 tifosi

Poco prima del ristoro del quinto chilometro, raggiungo i pacer delle 2 ore: una delle due corsie stradali è aperta al traffico, quella dedicata alla gara è intasata, si crea un imbuto che mi innervosisce, supero un po’ di gente zigzagando in salita (sì, un’altra, per me era un’altra salita), e decido di non fermarmi a bere. Sto benissimo, fa freddo e penso che l’acqua giacciata mi sarebbe più di danno che di sollievo. Continuo pensando che sia un bel percorso, che la giornata è stupenda, il sole e il clima sono perfetti: di tanto in tanto guardo il passo, un po’ mi spavento per paura di “bruciarmi”, un po’ mi dico che sto benissimo e che oggi andrà così. Mi sento così bene che ad un certo punto mi viene una specie di magone, come solo un’altra volta mi è successo, un groppo in gola e mi viene da piangere: il respiro si blocca, non si riesce a correre piangendo, quindi sarà il caso di ritrovare la mia solida razionalità, almeno fino al traguardo. Al nono chilometro, prendo il mio GU e al decimo bevo con calma acqua ghiacciata.

Ho gli auricolari, so che Alino e tanti altri mi sgriderebbero, ma io mi devo divertire e svagare, e per me la musica bassa di sottofondo è solo piacere: riesco comunque a sentire i miei passi e il mio respiro, a rimanere concentrata. Ad un certo punto Robbie Williams canta Love my life, penso a quando in auto, ogni volta, chiedo il parere a Luca e mi risponde che anche a lui piace questa canzone, e allora alzo il volume e cantiamo il ritornello tutti insieme: I love my life / I am powerful / I am beautiful / I am free / I love my life / I am wonderful / I am magical / I am me / I love my life. Ed  è proprio così.

Il ristoro del quattordicesimo chilometro mi sorprende, lo aspettavo alla fine del quindicesimo: ogni tanto guardo il Garmin, in alcuni momenti mi sembra di aver bisogno di recuperare e mi trovo con un’andatura di 5’20”, a volte mi sembra di rallentare eccessivamente e sono solo a 5’35”. Per non fissarmi, trovo davanti a me un runner travestito da Babbo Natale che mi sembra abbia un passo costante sui 5’30”: inizio a tallonarlo. Per circa un chilometro e mezzo vedo che con la coda dell’occhio ogni tanto sbircia, finchè ad un certo punto si gira e gli dico “Sei il mio pacer, ti sto seguendo da un po’!”, mi risponde ridendo “Ma nooo, dai, chè qua si va tutti insieme!” e rallenta per aspettare un paio di amici indietro di poco. Proseguo di nuovo sulle mie gambe, con la mia testa e il mio fiato.

Il diciassettesimo, per me, vuol dire che ci sono, che di chilometri ne mancano solo 3+1 e che si tratta dell’ultimo sforzo; guardo l’andatura media, al di sotto di quella a cui puntavo e inizio a figurarmi il traguardo. Il diciottesimo è il chilometro dei calcoli, l’unico momento in cui avevo stabilito che avrei realmente pensato al tempo, al di là delle mie sensazioni fisiche: per stare nel mio obiettivo, sarei dovuta arrivarci in 1:41, ma sono lì in 1:38 e non posso non iniziare ad immaginare un risultato insperato.

E’ davvero l’ultimo sforzo, gli ultimi due chilometri sono faticosi, le gambe iniziano ad essere pesanti, tengono il passo ma sembrano non accelerare come avrei voluto. L’ultimo ponte, la via dell’appartamento, il rettilineo finale: una voce di donna grida il mio nome (amica, chi sei?), sento poco più avanti Gianluca che mi chiama, lo vedo, mi incita di nuovo. Trovo la forza per dirgli “Sì, e allora vado!” e riesco ad allungare, finchè in curva ecco i bambini: sono pronti a scattare, con le loro magliette da gara, fino al traguardo. Gaia a sinistra, Luca in mezzo, io a destra: guardo il tempo, accidenti, correte più veloci, chè qua sono vicinissima al colpaccio! Dai Luca, con quelle gambette corte, dai! Mi viene voglia di prenderlo in braccio, è questione di secondi per vedere anche quel numero sul tabellone, ma lui ansima e dice che ha caldo. Amore della mamma, il suo sforzo su quei 70 metri è forse più impegnativo del mio su tutta la mezza maratona. Guardo avanti, per la prima volta vedo il traguardo, tra noi e i fotografi stavolta non sembra intromettersi nessuno, ci siamo noi, insieme, a vincere!

arrivobambini arrivobambini2 arrivobambini3

E’ fatta, il tempo ufficiale, il real time, è di 1:56:00, tondi tondi. Treminutiemezzodimeno del mio miglior tempo, treminutimeno di quanto mi aspettassi realisticamente di fare, dueminutimeno di quanto mi sarebbe piaciuto ottimisticamente raggiungere. Io sono alle stelle, i bambini più su; Luca viene medagliato, io e Gaia ci facciamo l’occhiolino e delle foto insieme.

“Mamma, abbiamo vinto!!”
“Abbiamo stravinto!”
“E adesso ci danno anche da mangiare?”

blog-medaglia blog-arrivo 15665639_850884175054279_5760393628164921081_n arrivo-4 torre

Il ristoro è un po’ deludente, io cerco Nico e gli altri UR, condividiamo la gioia e il successo. Qualche abbraccio, qualche foto, molta euforia, e ripartiamo subito per Milano. Lungo la strada sono assolutamente incredula, mi chiedo come sia stato possibile, come io abbia potuto tenere quel passo -che è così poco distanze dalle ripetute lunghe che sembravano uccidermi- per 21 chilometri; ripenso alla gara, alle sensazioni, penso che sia stata tutta mia questa volta, tutta sulle mie gambe e con la mia testa e il mio fiato, senza personal pacer e senza spalle di sostegno ad accompagnarmi. Poi penso a Yuri, che la sera prima, con convinzione, mi ha detto che mi avrebbe fatto bene correre, dopo tanto tempo, da sola e che mi ha chiesto come fosse possibile che mi affidassi così tanto allo strumento e così poco alle mie sensazioni, e penso che ci ho riflettuto e in gara questa frase mi si affacciava nella testa; penso poi che lui e Chicco prima della partenza mi hanno indicato i pacer delle 2 ore, e penso che ho risposto che i pacer mi mettono ansia e che poi quei pacer li ho superati; penso che nelle salite c’erano Fabio, a dirmi di spostare il baricentro in avanti chè così praticamente vai da sola e che poi, tu che sei bassa, in salita sei avantaggiata, e Alino a dirmi di mantenere un’andatura costante in salita e, soprattutto, di non esagerare in discesa, chè poi ci si impianta sul rettilineo; penso che c’è Alino dall’inizio alla fine con quello che ci siamo detti in una chiacchierata in Gae Aulenti a settembre; penso a Rudy, chè ci si è visti al ristoro del decimo e ci si è capiti subito; penso che al quinto chilometro ho visualizzato Nico sconfortato, a scuotere la testa e temere che, di nuovo, la mia partenza a razzo sarebbe finita a cazzo, ma che intorno al quattordicesimo probabilmente anche lui avrà pensato che ce l’avrei fatta, tirando un sospiro di sollievo; penso a quanto siano bastati due incitamenti di Gianluca e dell’amica che non ho ancora capito chi fosse sul rettilineo finale, per far venire fuori delle energie che pensavo esaurite; penso ai messaggi ricevuti, alla catenina con i due cuoricini che ho attaccata al collo, a mio papà che non osa chiederlo ma aspetta una chiamata, a mia mamma che ho l’impressione che non approvi del tutto, ma che mi chiede sempre a che ora io corra e ai bambini pronti a fare festa… E penso che, tutto sommato, anche questa volta la gara, forse forse, non l’ho fatta proprio tutta da sola.

 

Categorie: Sport

Leave a Reply

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.