Verona Half Marathon, per un San Valentino di corsa

Sono in ritardo, siamo già a metà settimana e siamo già tutti proiettati verso il prossimo weekend, più che a ricordare quello scorso, ma la mia vita è un puzzle da diecimila pezzi, arrivo ad incastrare tutto, ma non è detto che lo faccia immediatamente.

E’ stato il nostro -mio e di Nico- undicesimo San Valentino, ma il primo “di corsa”.
Nella cornice di Verona In Love, programma di festa di quattro giorni dedicato agli innamorati e non, ci siamo iscritti alla Verona Half Marathon. Non essendo pronti per affrontare un’intera mezza maratona, abbiamo optato per l’opzione staffetta, il Duo Half: Nico avrebbe corso la prima frazione di 8 km e io la seconda di 13, una distanza più vicina alla mia preparazione alla Stramilano.

LUI: “Io, appena ti vedrò, griderò ‘ti amo’!”
IO:    “…”
LUI: “E tu mi dirai: ‘spicciati, chè perdiamo tempo!'”

Sabato i bambini sono andati a pranzo dai nonni e noi siamo partiti per Verona.
Purtroppo il cielo era grigio, la pioggia continua e io, da giovedì sera, avevo un piede dolorante che facevo fatica ad appoggiare: gli umori non erano alle stelle, non ero certa che avrei corso il giorno dopo.

duo half

Abbiamo ritirato pettorali e pacco gara -uno dei momenti che adoro, quello in cui si concretizza l’iscrizione, in cui si legge il proprio numero e, nella maggior parte dei casi, si entra in possesso della maglietta e iniziano le prove di outfit (se piove, se non piove, se piove e fa freddo, se piove e fa caldo, se..) -, e ci siamo concessi un giro per il centro della bellissima Verona (che, se non avessi visto Roma, direi che è la città italiana più bella in cui sia stata, prima ancora di Firenze o Venezia). Abbiamo salutato coach Matteo e alcuni Red Snakes incontrati nei pressi del palazzetto, che mi hanno ammonito in merito alla scelta di correre e ricordato di preservare il piede; abbiamo ritirato il nostro sigillo d’amore, prenotato a sorpresa da Milano, e una tavoletta omaggio di cioccolato Lild, zoppicato intorno all’arena e a Castelvecchio.

arena di verona

Quasi convinta che non avrei corso, abbiamo valutato l’ipotesi di uscire a cena invece di mangiare sano in previsione della gara; alla fine abbiamo festeggiato un salutare San Valentino nel caldo inaspettato del camino della casa di Garda, acceso due giorni prima del nostro arrivo per rendere la casa agibile.

Domenica mattina il piede sembrava essere migliorato, riuscivo a camminare; la scarpa dava fastidio, ma -deciso di correre- l’ho infilata all’ultimo momento. Avrei potuto lasciar correre Romeo da solo, o peggio, impedirgli di gareggiare solo per il ritiro di Giulietta?

Rare Partners #corrieimmaginadivolare.

Ho  accompagnato Nico alla partenza e poi, con Giorgia, abbiamo aspettato l’arrivo dei nostri compagni di staffetta.

20150215_095059 20150215_095254

Pettorale 478/1 in arrivo, Nico mi passa il chip e inizio i miei 13 km.

E’ stata la mia prima gara su una distanza superiore ai 10 km, non avevo molta voglia di correre e, per quanto avessi scelto consapevolmente di ignorare i fastidi del mio piede, il pensiero ogni tanto andava a lui e una vocina mi ricordava di aver già sottovalutato il dolore di una gamba e di essermi procurata una frattura alla tibia. In tutto questo, non sono riuscita a darmi un ritmo, a gestire la gara, ma mi sono fatta gestire, faticando lungo il tragitto, arrabbiandomi per le salite (va bene, non sono la Salita del Pincio, chi è allenato li chiama giusto falsopiani, ma io avevo sempre pensato che Verona fosse pianeggiante ed ero impreparata), concludendo però con un passo medio di 5’39”, passo per me molto buono. Lungo la strada, questa volta ho voluto provare ad essere io ad incoraggiare un ragazzo che ho visto iniziare a camminare con fatica (un premio alla sua maglietta “Lazy but talented”), ricordando tutte le volte in cui sconosciuti che correvano nel mio stesso percorso hanno speso una parola per spronarmi vendendomi in difficoltà. Ho incontrato anche un atleta non vedente con il suo accompagnatore: erano ad una decina di metri davanti a me e avrei voluto spendere il poco fiato per dire con ammirazione a quel ragazzo che, per me, il vincitore della gara era lui, ma la verità è che, a poco a poco, la distanza che ci separava è aumentata e non sono stata in grado di raggiungerlo.

Il percorso non mi ha entusiasmato, ma probabilmente era il mio umore (la testa, accidenti!) che mi ha fatto avvertire la fatica e godere poco del tragitto mai fatto prima; ho atteso dal primo passo l’ingresso in Arena, che ho attraversato rapidamente e da cui sono uscita incontrando Nico che tifava per me.
Il ‘ti amo!’ gliel’ho gridato io, credo che per lui sia stato inaspettato.

IMG-20150215-WA0013

All’arrivo, l’occhiata al Garmin, il pensiero di aver scampato la pioggia giusto in tempo, la soddisfazione per non aver mollato neanche stavolta e per aver raggiunto un obiettivo in più, mi hanno risollevato l’umore, come ultimamente sempre succede dopo le corse, che siano in gara o in allenamento.

20150215_121049 20150215_121811

Abbiamo salutato gli amici incontrati, moltissimi i milanesi in trasferta, gruppi e amici sparsi, e pranzato con Francesco e il suo compare di gare, direttamente da Abano: “la corsa unisce” e questa occasione, per la prima volta, mi ha fatto provare un senso di appartenenza a..boh, alla categoria dei runner?

Da domenica sera non riesco a camminare bene, lunedì sono state escluse fratture e oggi ho incontrato il mio ortofigo che ha confermato una tendinite che, con riposo, ghiaccio etc etc etc e adeguato cambio scarpe e solette, si dovrebbe risolvere in tempi brevi.

Questa volta mi prenderò cura del mio piede, prima che il dolore diventi infortunio serio e comprometta la preparazione in corso e, più ancora, la partecipazione alla Stramilano (non mi sono ancora formalmente iscritta, non riesco a smettere di pensarci), quindi starò ferma finchè non avrò più dolore (ecco, l’ho detto, nero su bianco).
La coscienza e la ragione lo sanno; razionalmente mi ripeto che è giusto così, che in certi casi “il riposo è allenamento”, che fare altrimenti sarebbe controproducente, ma le gambe scalpitano e il cuore è in agitazione. Non ho ancora imparato -e non so se riuscirò mai a farlo, nella corsa e nella vita- ad accettare l’infortunio come parte dell’allenamento, l’imprevisto come qualcosa che si può gestire, e men che meno a trasformare gli intoppi e i fuoriprogramma come occasioni da cui trarre qualcosa di positivo.
Ad ogni modo, spero di poter ricominciare nel giro di una settimana: fortunatamente saranno giornate estremamente impegnative, il secondo compleanno di LucAttila è in arrivo e avrò tempo di dedicarmi alla preparazione dei festeggiamenti!
LucaGaia medals

Categorie: Sport

3 commenti

  • Nico

    Mentre aspettavo Valeria al passaggio dell’arena ho visto molti runner: c’era chi “cercava” il proprio personal best, chi, affaticatissimo, non vedeva l’ora di arrivare, chi correva in solitaria, chi lo faceva in compagnia, chi, essendosi iscritto alla duo, stava concludendo la sua frazione e cercava fra la folla il volto del partner della prima frazione, chi dopo venti chilometri trovava la forza di fermarsi per mettersi in posa per i fotografi in stile Usain Bolt nell’ilarità generale, chi ancora, vestendo i panni del papà runner, arrivava al traguardo dopo aver spinto per ventuno km il passeggino “da corsa” con il figlio all’interno o chi giungeva al traguardo accompagnando il proprio partner runner disabile…Tutti protesi verso la meta, nessuno lasciato da solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Loading Facebook Comments ...