La moltiplicazione delle ore del giorno

Più di una volta, in più di un’occasione, mi sono sentita chiedere “ma come fai a far tutto?” (sì, più o meno come nel famoso libro poi diventato film). Lavoro d’ufficio full time, due pesti, un marito, una casa, da quest’anno allenamenti 2/3 volte a settimana, un semi-lavoretto di pasticceria per arrotondare nei weekend tra settembre e maggio, amici da non trascurare e ora il blog.

Bene, vi svelo il segreto. Anzi, la magia, il MIRACOLO:
Io sono in grado di moltiplicare le ore del giorno.

Scherzavo.
La verità è che ho tre grandi fortune:

-In primis: ottima capacità di organizzazione, del tempo mio e di quello degli altri. A brevissimo/breve/medio/lungo termine. So che cosa faremo (e come lo faremo) tra qualche ora così come domani, al mare ad agosto, con gli inserimenti nido/materna a settembre, per il mio 30esimo (sigh) compleanno a dicembre (certo, ho già piazzato i monelli per il Ponte di Sant’Ambrogio prenotando i nonni con largo anticipo!), per le ferie e i turni lavorativi nelle vacanze di Natale. Per agosto 2015 invece so che avrò a disposizione ancora circa 40 giorni residui di maternità facoltativa, quindi potrò prenotare con calma la meta verso il prossimo aprile.

Luca in carrello Auchan

– Un marito estremamente collaborativo in casa, che è anche un papà che ama fare il papà. Tutto ciò significa che, se capita che il sabato pomeriggio io mi addormenti con i bambini, al risveglio la casa sia pulita da cima a fondo;  se mi dimentico di far partire la lavatrice (o, peggio, se mi rifiuto di svuotare lo stendibiancheria), ci pensa lui; che è perfettamente in grado di gestire i bambini, di cucinare per loro,  di metterli a letto, di farne giocare due contemporaneamente, di portarli in piscina o a tagliare i capelli. Non è cosa da poco, è pur sempre un uomo! Per i figli, mamma e papà sono presenti in modo assolutamente paritario e, se uno dei due va ad allenarsi o fuori a cena o fa tardi in ufficio, c’è l’altro insieme a loro, a garantire quel “tempo di qualità” di cui parlavo precedentemente.

DSC_0542 DSC_0196 20140511_173126

-L’essere riusciti ad impostare in modo naturale una routine per tutta la famiglia: orari fissi e abitudini consolidate fanno sì che ognuno abbia il proprio giusto spazio di vita. Per intenderci, si mangia alle 19/19.30 (ok, come le galline, ma i bambini sono piccoli e dopo una giornata in nido/materna sono stanchi..e tutto sommato lo siamo anche noi genitori), si gioca circa un’oretta, rigorosamente insieme e tenzendialmente per terra, e poi, con coccola della buona notte o canzoncina a scelta, al massimo per le 20.30 i bambini sono a letto (Luca per ora si addormenta nel lettino ma con la presenza di uno di noi, Gaia -autonoma da tempo- a volte non si addormenta subito, ma aspetta Morfeo dall’alto del suo letto a castello). Dalle 20.30 inizia la vita mia e di mio marito. Si sta insieme, si guarda un film, si chiacchiera, talvolta si lavora; posso dedicarmi al blog, alle torte, a volte mi è capitato di andare a correre o di uscire a cena. Una collega mi chiama, un po’ sprezzante e un po’ per presa per il culo, “Signorina Rottermeier“, ma a volte si lascia sfuggire che mi invidia.

20140309_140151

Infine, non rientra nelle tre fortune, ma nel mio modo di pensare:
il fattore chiave è il TEMPO e fondamentale è la definizione delle proprie priorità. Qualcuno inorridirà, ma per me in casa può esistere un disordine-ordinato (non perderò MAI del tempo a mettere via i giochi dei bambini mentre fanno il riposino pomeridiano: tutt’al più, li impilerò in modo perfetto in un angolo del soggiorno) così come esiste un pulito decoroso ma non maniacale (no, non lavo i pavimenti nè il bagno tutte le sere); il congelatore è colmo di verdurine fresche cucinate da me e “porzionate-pronte-all’uso” per condire pastasciutte o accompagnare secondi al mio rientro dall’ufficio; la Grande Spesa è mensile, in settimana al Lidl sotto casa si va per le “rifiniture”. Il tempo risparmiato si accumula e si può impiegare in altri 1000 modi più soddisfacenti.

554754_10150706830276382_368413201_n DSC_0570 DSC_1144 - Copia Rapunzel (104)

Se la domanda, a questo punto, è ancora “COME?”, ecco, purtroppo questo non so spiegarvelo. Mi sento solo una donna normale dotata dei poteri in dotazione a tutte le donne del mondo: rapidità, mentalità multitasking, capacità di pianificazione e organizzazione, e una buona dose di carattere e decisionalità…soltanto, conosco e riconosco i miei poteri e mi viene spontaneo e naturale utilizzarli nella vita.

A parole non so spiegarvelo, dovreste trascorrere qualche giorno con me: sono certa che si tratterà soltanto di scoprire i vostri Poteri, capire quali siano per voi le Priorità e, con la giusta dose di energia, impiegare gli uni al servizio delle altre!

Avon Running 2014 Milano

Categorie: Altro, Vita da mamme

Leave a Reply

4 commenti

  • Susanna

    Letto tutto,e subito.Sul marito che sappia fare tutto che faccia la mamma, ci stiamo lavorando, ma siamo a buon punto. Gli orari fissi, regole ben definite pure, anche se a volte faccio fatica a far capire agli altri xchè Noemi vada a letto tra le 20/20:30. Per me è ovvio e vedo che, secondo la tua prassi, non ho tutti torti. Sulla pulizia, se dovessi scegliere di avere le finestre che brillano tra giocare un’ora con mia figlia risponderei” ma chiese ne frega delle finestre”.quelle mi aspettano,ma il tempo che posso passare con lei NO. Ora mi sorge il dubbio che fondamentalmente forse allora il problema sta in me. Organizzazione migliore. OK, quando che si fa il primo corso, eh??;-)

    • val384

      Corso? Raggiungete il numero minimo di partecipanti e trascorriamo un sabato insieme 🙂

      Direi che comunque sei sulla buona strada: possibilità di delega al marito, routine e orari definiti.. Secondo me, se vuoi provare a fare altro oltre al lavoro e alla mamma/donna di casa, ti manca un pezzettino: tu dici “tra scegliere di pulire le finestre e giocare con mia figlia, chissenefrega delle finestre”, prova a pensarla -ogni tanto- “tra scegliere di pulire le finestre e andare a correre/fare una torta/andare a fare shopping/dall’estetista/pensare a te stessa, chissenefrega delle finestre” 😉

  • CaterinaMotta CakeLover

    Vale, sei un mito!!!! Sei una di quelle straordinarie persone che sanno fare tutto e tutto fanno con amore!! Hai una straordinaria famiglia e due cuccioli dolcissimi! In bocca al lupo per questa nuova avventura, ti seguirò con molto piacere! Ti/vi abbraccio con affetto. Baci

    • val384

      Grazie Cate, del commento e della tua stima!
      Qua sarai la benvenuta, vieni quando vuoi, ti aspetto a braccia aperte (e chissà che in futuro non ci si incontri dal vivo)!
      Un abbraccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.